Rita Amada de Jesus

Rita Amada de Jesus


Cenni biografici della Beata Rita Amada de Jesus
(1848-1913)

Rita Amada de Jesus, nacque il 5 marzo 1848 in un piccolo caseggiato della parrocchia di Ribafeita, Diocesi di Viseu, in Portogallo.
Ricevette il Battesimo con pochi giorni di vita e le fu dato il nome di Rita Lopes de Almeida. Crebbe in un ambiente familiare molto religioso dove alla sera si faceva la lettura spirituale, e, fin da ragazzina, manifestò una speciale devozione per l’Eucaristia, per la Madonna e per San Giuseppe. Ebbe un particolare affetto per il Santo Padre che, in quei tempi passava momenti difficili, tanto da essere esiliato e, dopo pochi anni arrivò ad essere privato degli Stati Pontifici.
La massoneria portoghese, negli anni trenta, si impadronì dei beni ecclesiastici e fece chiudere tutte le case religiose sia maschili che femminili impedendo l’ammissione di qualsiasi novizia; evidentemente, tale situazione fece perdere vitalità alla chiesa. Oltre a ciò, molti vescovi e sacerdoti trascuravano il loro lavoro pastorale e non erano di grande esempio, specialmente per le costanti lotte politiche in cui si trovavano implicati.
Nella famiglia di Rita, a cominciare dai genitori, si viveva con un forte desiderio di vita cristiana autentica e di impegno apostolico. In questo ambiente di forte religiosità nacque nel cuore di Rita la vocazione ad essere missionaria per sottrarre la gioventù al pericolo dell’indifferentismo religioso e dell’immoralità, e prodigarsi a favore della famiglia tanto minacciata. Il suo zelo la portò ad andare per i villaggi a pregare con la gente. Insegnava a recitare il Rosario ed esortava ad imitare le virtù della Madonna. Procurava di avvicinare le persone di vita meno esemplare e faceva tutti gli sforzi che poteva per ricondurle sul retto cammino della pratica cristiana. Per questo motivo le vennero addosso minacce di morte e, in realtà, si cercò di ucciderla. All’orazione univa la penitenza.
Nelle sue venute a Viseu cominciò ad aver contatti e a conoscere le Suore Benedettine del Convento di Gesù, e da loro ottenne degli “strumenti di penitenza”. Con l’aiuto del suo Confessore, ben presto cominciò a rendersi conto che il Signore la chiamava alla vita consacrata. Però, in quel tempo era proibito per legge ammettere novizie per la vita religiosa. Perciò Rita continuò la sua vita nel mondo dedicandosi all’apostolato e alla mortificazione, nella speranza di un giorno poter consacrarsi totalmente al Signore. Sentendosi interiormente già “consacrata”, rifiutò sempre con decisione qualsiasi offerta di matrimonio, anche di persone ricche.
Faceva la Comunione Riparatrice, cresceva nel fervore eucaristico, nella devozione al Sacro Cuore di Gesù e alimentava così il suo desiderio di salvare anime facendosi apostola e missionaria.
Gli stessi genitori di Rita, presi dagli stessi sentimenti, arrivarono a dar alloggio nella loro casa a donne di facili costumi ma desiderose di cambiar vita.
Con circa 20 anni comprese che doveva proprio consacrarsi a Dio nella vita religiosa. Si confidava molto con sua madre perché il padre, sebbene molto religioso, essendole molto affezionato, era contrario ai suoi progetti di vita religiosa. Nonostante tutto, Rita continuò con la sua idea di consacrazione senza perdersi di coraggio, e, con 29 anni riuscì finalmente ad entrare in un convento di Religiose, unica Congregazione permessa in Portogallo per essere una congregazione straniera e dedicata solo all’assistenza.
Ben presto si rende conto che il carisma della Congregazione dove era entrata non rispondeva al genere di apostolato al quale si sentiva chiamata. Anche il Direttore Spirituale della comunità, al quale Rita si apriva con tutta franchezza, comprese qual’era la volontà di Dio a suo riguardo: accogliere ed educare bambine povere e abbandonate.
Rita lasciò quelle Religiose di origine francese e, d’accordo con il P. Francisco Pereira S.J. cercò la maniera migliore per prepararsi a disimpegnare la missione che l’aspettava. Entrò in un collegio dove ebbe la possibilità di fare esperienza pratica per quanto riguardava le relazioni burocratiche con le autorità sia civili che religiose.
Rita, umanamente ben dotata di ingegno e di virtù, profondamente religiosa, sempre guidata dal desiderio di compiere la volontà di Dio, sempre docile al consiglio del suo Direttore Spirituale, con 32 anni, quando esce dal collegio, affronta e vince tutte le difficoltà di ordine politico e religioso che incontra sul suo cammino e riesce a fondare nella Parrocchia di Ribafeita, il 24 Settembre 1880, un collegio e l’Istituto delle Suore di Jesús Maria José con lo spirito di Nazaret.
In poco tempo diffuse l’Opera di apostolato ad altre Diocesi del Portogallo. Però, le autorità civili di Viseu, Lamego e Guarda, cercarono subito con tutti i mezzi di obbligarla a chiudere l’Opera.
Naturalmente, non le mancarono le difficoltà di ordine economico e personale, specialmente con una delle sue religiose. Ma il peggio venne nel 1910 quando, con l’inizio della Repubblica, si scatenò una feroce persecuzione contro la Chiesa e, con l’abolizione degli Istituti Religiosi, Rita fu privata di tutti i beni che l’Istituto possedeva e dovette ritirarsi nel suo paese.
Con l’aiuto di Dio riuscì a mettersi in contatto con alcune delle sue Suore che si erano disperse e a riprendere la vita assieme in un’umile casa e così salvare l’Istituto inviando, a gruppi, le Suore in Brasile. Là, le Religiose continuarono il loro impegno apostolico con lo spirito della Fondatrice che, intanto, venne a morire, con il conforto degli ultimi sacramenti e in concetto di santità, in Casalmedinho (parrocchia di Ribafeita) il 6 di Gennaio 1913. Successivamente i suoi resti mortali furono trasferiti dal cimitero di Casalmedinho al cimitero di Viseu e finalmente, nel 2007 furono traslati nella cappella della Casa religiosa nella stessa città e collocate in un’artistica urna di bronzo, opera dell’artista Alessandro Verdi di Bergamo.

Biografie
Beata Rita Amada de Jesus. Fundadora do Istituto Jesus Maria José. Autobiografia, a cura dell’Istituto Jesus Maria José, Viseu 2006.
Positio super virtutibus, Roma 1997

Attore della Causa
: Istituto delle Suore Gesù Maria Giuseppe

Iter della Causa

Super vita, virtutibus et fama sanctitatis
Fase Diocesana
-Nulla Osta dalla Congregazione delle Cause dei Santi 2 settembre 1991
Fase Romana
-Decreto di Validità Giuridica 7 aprile 1995
-Nomina Relatore 1995
-Positio Super virtutibus 1997
-Celebrazione della Beatificazione 28 maggio 2006

Super Miro
Fase Romana
Decreto di Validità Giuridica 19 febbraio 1999

Sito registrato nella